Crostata di pesche

crostata pesche

Con le ultime pesche della stagione, saluto questa strana estate. La saluto con il desiderio di vederla presto e sopratutto in gran forma.
Questa crostata di pesche (o “tart” come la chiamerebbero gli inglesi) è una torta molto rustica. Come ho scritto in basso, nelle note della ricetta, non aspettatevi una pasta morbida e dolce, perché il bello di questa torta è che la dolcezza e la morbidezza sono dati dalla totalità degli ingredienti.

crostata pesche

Per la prima volta ho usato la pasta matta e ho deciso di farlo con una ricetta dolce, perché volevo usare queste pesche di fine stagione. La pasta matta è una ricetta di Artusi, del quale vi lascio una citazione:

“Si chiama matta non perché sia capace di qualche pazzia, ma per la semplicità colla quale si presta a far la parte di stival che manca in diversi piatti, come vedrete. Spegnete farina con acqua e sale in proporzione e formate un pane da potersi tirare a sfoglia col matterello”
Artusi  Pellegrino, La Scienza in Cucina e L’Arte di Mangiar Bene

Mi è piaciuta questa sua definizione e credo che in questa crostata di pesche abbia proprio il ruolo che Artusi aveva pensato per lei.
Ho cercato compensare il gusto con lo zucchero della marmellata e con lo zucchero di canna spolverizzato e il risultato è venuto davvero buono.
crostata-pesche-03

Crostata di pesche

Tempo di preparazione: 50 minutes

Tempo di cottura: 30 minutes

Tempo totale: 1 hour, 20 minutes

Crostata di pesche

Attenzione! Questa ricetta contiene glutine, ma può essere adatta a intolleranti al frumento. Se siete celiaci, potete sostituire la farina di farro con la farina senza glutine e controllate che tutti gli ingredienti a rischio siano riportati nel prontuario dell’AIC o che abbiano il marchio con la spiga barrata.

Nota: non aspettatevi una pasta morbida e dolce. La caratteristica di questa torta è il suo gusto rustico. Dolcezza e morbidezza, nel totale, sono compensati dalla consistenza delle pesche, dalla marmellata e dallo zucchero spolverizzato sopra.

Ingredienti

    Per la pasta matta
  • 200 gr di farina bianca di farro
  • 100 gr di acqua
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero di canna
  • Per la farcitura
  • 3 cucchiai di marmellata di mirtillo rosso
  • 4 pesche piccole
  • zucchero di canna qb

Procedimento

  1. Lavare le pesche e tagliarle a fette non troppo spesse (io ho tagliato le pesche in 8 parti e poi le fette più grosse le ho tagliate ancora per metà, in lughezza).
  2. Mescolare la farina, il sale e lo zucchero.
  3. Aggiungere l'acqua e impastare bene, fino a ottenere un impasto morbito e non appiccicoso.
  4. Stendete la pasta in modo da ottenere una sfoglia fina ma non troppo, altrimenti si rompe. Fate in modo che sia un po' più grande della vostra tortiera, in modo che poi possiate rovesciare i bordi sulla base.
  5. Adagiatela sulla tortiera ricoperta di carta forno (io ho usato una tortiera apribile da 22cm, ma non è necessario che sia apribile).
  6. Spalmate la marmellata sulla base e adagiate le pesche in modo da coprire ogni punto della base, tranne i bordi.
  7. Ricoprite la base con i bordi rimasti e spolverizzate lo zucchero di canna lungo tutto il bordo.
  8. Infornarte in forno caldo a 180° per 30 minuti. Nota: il tempo di cottura può variare in base al tipo di pesca usato.

 

Condividi

This Post Has 0 Comments

Leave A Reply






9 + = 12